IL RADICCHIO TREVIGIANO FAI DA TE

GIARDINO | Rossano

Una delle verdure tipiche dell’inverno è il radicchio, ne esistono tante varietà diverse, ma quello che noi preferiamo in assoluto è il Radicchio Rosso di Treviso.  Ha un bellissimo colore natalizio rosso scuro intenso e striature bianche, è caratterizzato da una consistenza fresca e croccante e ha un gusto delicato e amarognolo, inconfondibile!

Qui a CasaGIN ci piacciono le sfide e abbiamo provato a coltivare la variante Tardiva , la più pregiata ma anche la più complessa per processo di produzione, nel nostro orto!

Vi raccontiamo ora gli step che abbiamo seguito e alcuni segreti del mestiere!
Tutto parte dalla preparazione del terreno che deve avvenire con concime organico durante l’inverno, per far si che tutto sia pronto per la coltivazione in primavera.

  1. Nel mese di luglio il radicchio viene seminato in semenzaio, dopo circa un mese dalla semina quando il germoglio è alto circa 8 – 10 cm deve essere diradato e alleggerito e nei mesi successivi tenuto pulito da erbe infestanti.

  2. Nel mese di novembre viene raccolto con la radice intera, sciacquato e pulito e viene messo a bagno in mazzi. Le vasche dove è riposto devono avere un ricambio d’acqua costante ( mai stagnante) questo è fondamentale per dare la possibilità al germoglio di rigenerarsi.  Il radicchio deve rimanere immerso nell’acqua per 15, 20 giorni circa. La temperatura dell’acqua deve essere sui 12, 15 gradi centigradi. A contatto con l’acqua le radici del radicchio creano delle barbatelle che danno vita ad un nuovo germoglio all’ interno della pianta : il radicchio tardivo.

  3. Passati i 15-20 giorni, i mazzi di radicchio vengono raccolti, le vecchie foglie tolte e le radici ripulite. All’interno si troverà il nuovo germoglio  che si è sviluppato nell’acqua pronto per essere mangiato!

Noi abbiamo pensato a 4 ricette semplici e velocissime, scoprile qui!